Val di Sole – Malga Fasson 2015

Maggio 30, 2015

Val di Sole – Malga Fasson 2015

Escursione in Val di Sole – Malga Fazzon

Domenica 17 maggio

Con il bel numero di 60 persone, giunti in pullman a Pellizzano (val di Sole), siamo saliti percorrendo il sentiero degli Gnomi (così chiamato per le molte statue intagliate nei tronchi di alberi tagliati) orientandoci all’interno di un bel bosco di faggi su fino a malga Bassa m.1270. Poco oltre abbiamo raggiunto il lago dei Caprioli, luogo per noi di sosta e pranzo al sacco (possibile pure presso il rinomato chalet/bar in bella posizione con una  veranda che guarda il lago). Una “goccia” di acqua verde che ci si presenta in modo improvviso: tutti noi percorriamo il sentiero che circonda il lago tra rigagnoli, ponticelli e piccole cascate: un luogo ameno in cui senti solo il cinguettare degli uccelli.

       alt        alt

Di qui poi si prosegue e, in circa 45 minuti, con ripido sentiero fra prati e boschi cedui, si raggiunge la posizione est di malga Alta a m.1546, sottostante alla granitica cima delle Laste (m.2770). La malga è situata alla medesima altezza, in linea laterale ovest delle rinomate località invernali di Marilleva e Folgarida. Dalla zona della malga, in giornata serena, si possono ammirare, oltre alle intere valli sottostanti, le cime Sud dell’ Ortles /Cevedale, con in primis il monte Vioz m.3645, che chiude verso nord l’intera val di Rabbi.
Al ritorno al paese, il progamma prevede  la visita al castello di Ossana, appositamente aperto dietro nostra richiesta dai responsabili della gestione del posto e che ringraziamo per la cortesia.

 

alt     alt

Arroccato in una posizione altamente strategica, il Castello di Ossana fu alternativamente proprietà di numerose famiglie vescovili, dei Conti del Tirolo e della famiglia bresciana dei De Federicis, quindi degli Heydorf e dei Bertelli.
Conosciuto anche come Castello di S. Michele per la cappella situata al suo interno, il Castello di Ossana venne fatto erigere con molta probabilità durante il VI secolo, in età longobarda, ma la prima documentazione scritta risale al 1191. Le caratteristiche principali che rendono la fortezza unica nel suo genere sono proprio l’inespugnabilità della sua posizione strategica ed il mastio quadrangolare di 25 metri, in buono stato di conservazione. Nel Cinquecento attraversò un momento particolarmente critico a seguito dei saccheggiamenti ad opera dei contadini locali durante la cosiddetta “guerra rustica”; alcuni secoli dopo divenne sede di guarnigione durante l’occupazione napoleonica.
Alle soglie del Novecento fu comproprietaria del castello Bertha von Suttner, Premio Nobel per la pace nel 1905. Oggi Castel Ossana è di proprietà della Provincia Autonoma di Trento e, a seguito dei lavori di restauro, è stato reso visitabile dal 1996.

Al termine della visita , dopo aver ringraziato la giovane guida per la sua esauriente spiegazione, abbiamo intrapreso la strada del ritorno al nostro lago e ci siamo lasciati con un arrivederci alla prossima escursione.                       

Edoardo e Minisa

RACCONTO DI MARTINO E NONNA CARLA

Domenica 17 maggio sono partito con la nonna per la Val di Sole. Ero molto entusiasta per questa mia gita con i micologi. La giornata era molto soleggiata. La prima pausa è stata a Cles, con la nonna ho visitato la chiesa parrocchiale. Abbiamo proseguito verso Pellizzano. Arrivati lì, Marco, l’autista ci ha lasciati. Camminando per il paese abbiamo trovato il sentiero detto degli “Gnomi” perché c’erano dei tronchi tagliati a forma di gnomi e c’era pure la strega e una civetta. Ad un certo punto del sentiero abbiamo trovato dei grossi tronchi tagliati e per proseguire abbiamo dovuto scavalcarli, ed attraversare un ponticello, sopra il
fango. Camminando, camminando in mezzo al bosco, finalmente siamo arrivati al lago dei Caprioli. Il lago dei Caprioli è un caratteristico laghetto alpino a 1280 mt di quota, molto bello con tanti pescatori di trote. Dopo aver mangiato i panini siamo andati a fare il giro del lago, un panorama incantevole. Lungo il sentiero Ilde e Orazio, hanno trovato il primo fungo della stagione ed erano molti entusiasti. Il programma della gita prevedeva anche di raggiungere la malga Fazza Alta, noi però non siamo andati perché non avevamo tempo. Verso le 15:00 siamo ritornati al pullman e siamo partiti per il castello di S. Michele a Ossana. Una volta arrivati Tommaso, la guida, ci ha spiegato la storia del castello. Sorge su uno sperone e molto probabilmente risale all’epoca dei Longobardi nel periodo del 1200. Alla guida del castello si succedettero varie famiglie nobili, dai Principi Vescovi di Trento ai De Federici. Alla fine lo acquistò la Provincia di Trento. Dopo il restauro, è stato inaugurato e aperto al pubblico il 6 luglio 2014. Poco dopo la guida ci ha divisi in due gruppi, per poter visitare la torre. Al piano terreno c’era una sala dove si fermava a riposare il Principe Vescovo quando si recava ad Ossana per riscuotere le tasse. La scala che collegava i vari piani era contenuta nel muro, profondo 2 m. Arrivati in cima alla torre, il panorama era molto bello. Si poteva vedere la casa di S. Vigilio. Nel cortile del castello, all’interno di una stanza, abbiamo trovato, con grande sorpresa, un bellissimo presepe, curato in ogni particolare che raffigurava un S. Natale al fronte, durante la prima guerra mondiale. Verso le 18.00 siamo partiti per tornare a casa. Quando arrivammo ad Arco io ero molto soddisfatto per la gita.

Martino e nonna Carla

Ultimi Articoli

Ecco gli ultimi articoli del nostro Archivio, scopri il Gruppo Micologico Don Porta.

Escursione da Ferrara di monte Baldo a malga Orsa con salita finale alla Madonna della Corona. Sabato 7 Maggio 2022

Sabato 07 maggio 2022 Originale per la sua diversità, la gita proposta al Direttivo ad inizio d’anno da Valerio Sartori, e poi guidata da Gi

CAMMINATA SUL “ SENTIERO DEI M0LINEI” Domenica 10 aprile 2022

ANELLO : LAGO BAGATTOLI-PIETRAMURATA-CENTRALE DI FIES-BAGATTOLI Domenica 10 aprile 2022 Ci siamo trovati coi mezzi propri, al lago Bagattoli

ESCURSIONE MICOLOGICA ALLE REGOLE DI CASTELFONDO

Giovedì 23 settembre 2021 Siamo partiti di buon ora per la val di Non con un piccolo bus di soli 20 posti a causa di un difficoltoso passaggio nel pae

ESCURSIONE A BELLAMONTE E A MALGA BOCCHE 31 AGOSTO 2021

 Escursione sul Lusia nel  luogo detto del “Giro d’Ali”.  Martedi 31 agosto 2021 In orario come nostro solito, siamo partiti in

45^ MOSTRA MICOLOGICA 2021

Sab. / Dom- 02/03 ottobre 2021 Mai come quest’anno c’è stata penuria di funghi ovunque per la calura e la siccità dell’estate, tanto che molti

Escursione al Giogo di Meltina Giovedi 22 luglio 2021

ESCURSIONE AL GIOGO DI MELTINA  Giovedì 22 luglio Tutti sul bus, in regola con le mascherine, per la nostra prima uscita dell’anno con meta

Escursione micologica alle Regole di Castelfondo 24/09/2020

Quest’anno come già tutti sappiamo la presenza in campo nazionale e mondiale del Covid 19. ha imposto prima con decreti statali, ed a seguire con provve

Escursione micologica in val di rabbi 15/09/2020

Partiti di mattina presto una ventina di irriducibili micologi, salgono sul pulmino della Sarcatour alla volta della destinazione stabilita. La

Micologica Passo Lavaze’- venerdi 04 settembre 2020

Dopo aver ripreso l’attività momentaneamente sospesa per l’epidemia Covid con l’escursione a passo Sella, abbiamo iniziato la serie delle gite micol

Alba di Canazei – Cima su l’Aut Domenica 13 settembre 2020

La giornata settembrina si presenta serenissima a Riva del Garda e così, partiti di buon’ora, siamo arrivati, dopo l’abituale sosta ‘di servizio’,

Mettiamoci in contatto

Il Gruppo Micologico e protezione flora alpina don Pietro Porta fondato nell'anno 1967 ha svolto in modo continuativo la propria attività organizzando escursioni micologiche e botaniche prevalentemente in Regione Trentino- Alto Adige, viaggi di 2/3 giorni all'estero ed in Italia.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI

Scopri gli altri articoli del Gruppo Micologico Don porta sul nostro blog, le nostre gite, le mostre e tanto altro!