laghi val dell’inferno 2012

Agosto 6, 2012

laghi val dell’inferno 2012

Laghi Val dell’Inferno nella Catena del Lagorai

domenica 15 luglio 20

Il pulmino previsto per darmi il passaggio è arrivato puntuale all’appuntamento e tutto ha fatto pensare che il giorno si mettesse bene. Il viaggio verso il punto di arrivo è stato abbastanza scorrevole e con poco traffico. Dopo una sosta “fisiologica” al rifugio “Crucolo”, abbiamo lasciato il mezzo poco prima del punto ufficiale di partenza di Tedone. Un primo gruppetto di persone è rimasto nei paraggi del rifugio “Carlettini” – che è lungo la strada locale – mentre il grosso della compagnia ha iniziato la prima “tranche” della camminata (quasi tutta nel bosco) addentrandosi nei primi pascoli della Val Caldenave, transitando a fianco di una colonia estiva, dopodiché il sentiero acciottolato è stato lasciato per infilarsi nella “foresta”, affiancati dallo spumeggiante torrente: il rio Caserine. Dopo un tratto poco ripido abbiamo incontrato un ponticello di legno che ci ha permesso di attraversare il torrente per spostarci sulla sponda opposta.

Pur essendo immersi nel bosco, il caldo ha cominciato a farsi sentire e comunque, dopo una quarantina di minuti, abbiamo raggiunto l’inizio della piana paludosa Caldenave (1792 m.) solcata dalle acque del serpeggiante, lento e cristallino torrente. L’ambiente è, a dir poco, magnifico, a poche centinaia di metri di distanza si è potuto intravedere il rifugio Caldenave dove abbiamo potuto sgranchirci le gambe e asciugarci dal sudore che “colava” su molti di noi. A questo punto un secondo piccolo gruppo di persone ha deciso di rimanere a godere della spettacolare, agreste bellezza emanata dal luogo. Dopo una mezz’oretta di pausa gli “ardimentosi” ( me compreso ) hanno deciso di proseguire la risalita della valle percorrendo un sentiero a zig-zag, molto ripido, tra abeti, larici e pini cembri che si sono fatti sempre più radi per via dell’altitudine. Dopo un’ora di cammino, fra mughi, rododendri e larici, siamo arrivati ad uno slargo che, per la sua forma a naturale anfiteatro, sembrava abbracciare i laghetti dell’Inferno, in un luogo incantevole ed incantato (si dice abitato da elfi e fate …) niente dunque a che fare con il nome, vista la bellezza selvaggia che lo caratterizza.

Sinceramente, forse per la stanchezza dovuta anche al gran caldo sofferto, debbo dire di non aver visto questi leggiadri spiriti …E’ stato proprio in questo tratto che il caldo della giornata si è fatto maggiormente sentire! La compagnia dell’escursione è stata varia, alternandosi con frequenza, ma voglio fare un plauso particolare a Jean Pierre che ha partecipato all’escursione dopo aver passato (il giorno prima) un brutto quarto d’ora nelle acque del lago di Garda.

Un riflessione viene spontanea: il gruppo del Lagorai si discosta dai classici ambienti dolomitici per la roccia di natura vulcanica e per la bassa frequentazione. Ma quello che mi ha reso felice è che non ci sono valichi con chiassosi motociclisti, niente impianti, bensì vallate selvagge e poggi molto pittoreschi che si conquistano con del sano sudore, ripagato da viste bellissime e severe nello stesso tempo e, sempre facendo il confronto con le Dolomiti, zone ricche d’acqua, sotto forma di laghi e torrenti. Il ritorno a casa in pulmino, credo sia avvenuto con una certa regolarità. Dico “credo” perché ho dormito quasi tutto il viaggio, vista la stanchezza dovuta all’eccessivo caldo sofferto durante la discesa.

Seppure iniziata con la difficoltà nel parcheggiare l’auto (poiché l’area Zuffo prospiciente al casello autostradale Trento-Centro era occupata dai team delle auto partecipanti al gran premio della montagna Trento-Bondone), la giornata si è presentata radiosa e tersa, anche se calda.

Giorgio

Notizie flash storico-geografiche-geologiche-floro-faunistiche e onomastiche della zona dell’escursione

Il nome Lagorai deriva dall’indoeuropeo “aur” (terreno pianeggiante attorno a un lago tra i monti) ed è un nome che ha radici nella parola “lago”. La catena è caratterizzata dalla roccia di porfidi quarziferi permiani e dai numerosissimi laghetti; ne sono stati censiti infatti quasi cento all’interno dei confini del Lagorai.

Conserva una caratteristica flora arborea e una fauna montana (camosci, caprioli, aquila, corvo imperiale) di grande fascino, ivi compresa la presenza di un coleottero carabide, il Chrysocarabus auronitens, unico nel Trentino.

Oltre alla sua ricchezza naturalistica, la catena del Lagorai è ricca di fascino per la storia legata in particolar modo agli eventi bellici della prima guerra mondiale; infatti, sulle sue creste si scatenò l’inferno di una serie di battaglie. Numerosi sono i resti di quei sanguinosi combattimenti e degli insediamenti militari italiani ed austriaci (battaglie per il Colbricòn, Cima Bocche, Cauriòl, Cardinal, Coltorotondo e Busa Alta).

Ultimi Articoli

Ecco gli ultimi articoli del nostro Archivio, scopri il Gruppo Micologico Don Porta.

Escursione da Ferrara di monte Baldo a malga Orsa con salita finale alla Madonna della Corona. Sabato 7 Maggio 2022

Sabato 07 maggio 2022 Originale per la sua diversità, la gita proposta al Direttivo ad inizio d’anno da Valerio Sartori, e poi guidata da Gi

CAMMINATA SUL “ SENTIERO DEI M0LINEI” Domenica 10 aprile 2022

ANELLO : LAGO BAGATTOLI-PIETRAMURATA-CENTRALE DI FIES-BAGATTOLI Domenica 10 aprile 2022 Ci siamo trovati coi mezzi propri, al lago Bagattoli

ESCURSIONE MICOLOGICA ALLE REGOLE DI CASTELFONDO

Giovedì 23 settembre 2021 Siamo partiti di buon ora per la val di Non con un piccolo bus di soli 20 posti a causa di un difficoltoso passaggio nel pae

ESCURSIONE A BELLAMONTE E A MALGA BOCCHE 31 AGOSTO 2021

 Escursione sul Lusia nel  luogo detto del “Giro d’Ali”.  Martedi 31 agosto 2021 In orario come nostro solito, siamo partiti in

45^ MOSTRA MICOLOGICA 2021

Sab. / Dom- 02/03 ottobre 2021 Mai come quest’anno c’è stata penuria di funghi ovunque per la calura e la siccità dell’estate, tanto che molti

Escursione al Giogo di Meltina Giovedi 22 luglio 2021

ESCURSIONE AL GIOGO DI MELTINA  Giovedì 22 luglio Tutti sul bus, in regola con le mascherine, per la nostra prima uscita dell’anno con meta

Escursione micologica alle Regole di Castelfondo 24/09/2020

Quest’anno come già tutti sappiamo la presenza in campo nazionale e mondiale del Covid 19. ha imposto prima con decreti statali, ed a seguire con provve

Escursione micologica in val di rabbi 15/09/2020

Partiti di mattina presto una ventina di irriducibili micologi, salgono sul pulmino della Sarcatour alla volta della destinazione stabilita. La

Micologica Passo Lavaze’- venerdi 04 settembre 2020

Dopo aver ripreso l’attività momentaneamente sospesa per l’epidemia Covid con l’escursione a passo Sella, abbiamo iniziato la serie delle gite micol

Alba di Canazei – Cima su l’Aut Domenica 13 settembre 2020

La giornata settembrina si presenta serenissima a Riva del Garda e così, partiti di buon’ora, siamo arrivati, dopo l’abituale sosta ‘di servizio’,

Mettiamoci in contatto

Il Gruppo Micologico e protezione flora alpina don Pietro Porta fondato nell'anno 1967 ha svolto in modo continuativo la propria attività organizzando escursioni micologiche e botaniche prevalentemente in Regione Trentino- Alto Adige, viaggi di 2/3 giorni all'estero ed in Italia.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI

Scopri gli altri articoli del Gruppo Micologico Don porta sul nostro blog, le nostre gite, le mostre e tanto altro!