UMBRIA E MARCHE FRA IL LUPO DI GUBBIO E LE STALATTITI

Agosto 18, 2009

UMBRIA E MARCHE FRA IL LUPO DI GUBBIO E LE STALATTITI

Sabato 13 e domenica 14 giugno 2009

Contrariamente al solito eravamo solo in quaranta, per coincidenza con altre iniziative. Il percorso previsto per Gubbio è stato modificato durante il viaggio per la coda del traffico verso il mare: passiamo per gli Appennini con i loro boschi verdeggianti e i paesini di fondo valle, immaginando i numerosi porcini in crescita, tocchiamo di sfuggita Firenze (in lontananza il Cupolone e su un colle la Certosa), costeggiamo il lago Trasimeno (a detta di Orazio molto pescoso) e a Perugia anticipiamo la visita guidata della città. Partendo dalla Rocca Paolina, con scale mobili saliamo al centro del borgo. La Rocca Paolina, costruita da Paolo III Farnese alla metà del 1500, consta di poderose mura che racchiudono una parte della città medievale  inglobandola completamente, con volte di mattoni e stradine lastricate.

Active Image 

 Passando per la porta più famosa di Perugina, l’Arco Etrusco, la nostra guida ci porta a vedere il panorama dell’entroterra con vista di Assisi in lontananza. Ma la cosa più bella della città è il suo centro, con il corso Vannucci (da Pietro Vannucci detto il Perugino) racchiuso da bellissimi palazzi tra cui il palazzo dei Priori, sede di una importante pinacoteca. Il corso termina nella piazza della Fontana Maggiore, iniziata nel 1275 e simbolo della città. Essa è attribuita a Nicola e Giovanni Pisano e alla loro scuola.

Active Image 

Nelle formelle della vasca, per la prima volta nella scultura, troviamo scene di vita quotidiana ispirata al lavoro nei 12 mesi dell’anno. Alla fine della piazza si erge maestosa la cattedrale di San Lorenzo, del XV sec., in stile gotico, a tre navate con ampie volte a crociera e con la venerata immagine della Madonna delle Grazie. Curioso è il gioco dei pilastri non allineati e non a piombo. Le stradine intorno al corso, tipicamente medievali, ci permettono di ammirare altri palazzi storici (Tribunale, Palazzo del Capitano del Popolo) e alcune chiese. Una curiosità raccontata dalla guida è la nascita del famoso cioccolato Perugina: confezionavano confetti ma, per superare la crisi del lavoro per la concorrenza con Sulmona, la proprietaria decise di convertire la lavorazione nei noti cioccolatini. Dopo cena, il nostra storico autista Marco, sempre disponibile e attento ai nostri desideri e per non tralasciare la visita di Gubbio che era in programma, ci porta in questa deliziosa cittadina, illuminata da lampioni e torce che creano una magica e suggestiva atmosfera sia sulla piazza del Capitano che lungo il torrenti con i ponti in mattoni e la via che sale al duomo, dove sentiamo l’ululato del Lupo di Gubbio (in bicicletta), che ha lasciato poi le sue ”zampe” nel bagagliaio del pullman.

Active Image 

A zonzo sotto la luna ed un cielo stellato, ognuno coi propri pensieri, immergendosi nel passato della città, vive momenti di distensione, di comunicazione ed anche di  allegria. La domenica ci riserva uno spettacolo della natura veramente stupendo: le grotte di Frasassi, con il loro percorso ancor più lungo e articolato di un tempo, ci presentano un mondo, difficilmente immaginabile, di cristalli, di stalattiti e stalagmiti molto ben conservati, di volte altissime, di laghetti abitati da tritoni. Potevano essere la dimora di personaggi fantastici della letteratura o dei nostri sogni. Usciamo veramente presi da tanta meraviglia, accompagnati da sensazioni particolari che rimangono a lungo dentro di noi. Ultima sorpresa del nostro viaggio è la tappa a Corinaldo, piccolo borgo fortificato nelle Marche. Non solo pranziamo in un bel ristorante ricavato nelle mura, con volte a botte di mattoncini di cotto ma godiamo in pieno dell’atmosfera rarefatta di un paese medievale ancora intatto, con scalinate abbellite da rigogliose fioriere, con pozzi e strade lastricate di fiori, con ampia vista sulla campagna dalle mura che circondano tutta il borgo.

Active Image 

Nel ritorno, percorrendo strade interne e panoramiche, attraversiamo campi di girasoli, distese di grano fra colline orlate di cipressi, borghi agricoli sparsi sui pendii ed in lontananza il mare blu di Senigallia, Fano.
Molti di noi, sotto l’influsso di tutte queste meraviglie, stentano ad accettare l’ineluttabile ritorno alla normalità.

Minisa e Marinella

Ultimi Articoli

Ecco gli ultimi articoli del nostro Archivio, scopri il Gruppo Micologico Don Porta.

Escursione da Ferrara di monte Baldo a malga Orsa con salita finale alla Madonna della Corona. Sabato 7 Maggio 2022

Sabato 07 maggio 2022 Originale per la sua diversità, la gita proposta al Direttivo ad inizio d’anno da Valerio Sartori, e poi guidata da Gi

CAMMINATA SUL “ SENTIERO DEI M0LINEI” Domenica 10 aprile 2022

ANELLO : LAGO BAGATTOLI-PIETRAMURATA-CENTRALE DI FIES-BAGATTOLI Domenica 10 aprile 2022 Ci siamo trovati coi mezzi propri, al lago Bagattoli

ESCURSIONE MICOLOGICA ALLE REGOLE DI CASTELFONDO

Giovedì 23 settembre 2021 Siamo partiti di buon ora per la val di Non con un piccolo bus di soli 20 posti a causa di un difficoltoso passaggio nel pae

ESCURSIONE A BELLAMONTE E A MALGA BOCCHE 31 AGOSTO 2021

 Escursione sul Lusia nel  luogo detto del “Giro d’Ali”.  Martedi 31 agosto 2021 In orario come nostro solito, siamo partiti in

45^ MOSTRA MICOLOGICA 2021

Sab. / Dom- 02/03 ottobre 2021 Mai come quest’anno c’è stata penuria di funghi ovunque per la calura e la siccità dell’estate, tanto che molti

Escursione al Giogo di Meltina Giovedi 22 luglio 2021

ESCURSIONE AL GIOGO DI MELTINA  Giovedì 22 luglio Tutti sul bus, in regola con le mascherine, per la nostra prima uscita dell’anno con meta

Escursione micologica alle Regole di Castelfondo 24/09/2020

Quest’anno come già tutti sappiamo la presenza in campo nazionale e mondiale del Covid 19. ha imposto prima con decreti statali, ed a seguire con provve

Escursione micologica in val di rabbi 15/09/2020

Partiti di mattina presto una ventina di irriducibili micologi, salgono sul pulmino della Sarcatour alla volta della destinazione stabilita. La

Micologica Passo Lavaze’- venerdi 04 settembre 2020

Dopo aver ripreso l’attività momentaneamente sospesa per l’epidemia Covid con l’escursione a passo Sella, abbiamo iniziato la serie delle gite micol

Alba di Canazei – Cima su l’Aut Domenica 13 settembre 2020

La giornata settembrina si presenta serenissima a Riva del Garda e così, partiti di buon’ora, siamo arrivati, dopo l’abituale sosta ‘di servizio’,

Mettiamoci in contatto

Il Gruppo Micologico e protezione flora alpina don Pietro Porta fondato nell'anno 1967 ha svolto in modo continuativo la propria attività organizzando escursioni micologiche e botaniche prevalentemente in Regione Trentino- Alto Adige, viaggi di 2/3 giorni all'estero ed in Italia.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI

Scopri gli altri articoli del Gruppo Micologico Don porta sul nostro blog, le nostre gite, le mostre e tanto altro!