Escursione al passo delle selle 2014

Luglio 21, 2014

Escursione al passo delle selle 2014

DAL PASSO S. PELLEGRINO AL RIFUGIO DEL PASSO SELLE  
Domenica 06 luglio 2014
    
La giornata è iniziata all’insegna di un sole splendente e tutto faceva sperare nel bel tempo. Arrivati al posteggio del passo di S. Pellegrino, però, appena scesi dal pullman abbiamo visto addensarsi delle nuvole per niente “pacifiche”.
Dalla descrizione del tragitto, Carla (compagna di viaggio) ed io abbiamo scelto di utilizzare la seggiovia (20 minuti di tempo) per superare i primi duecento metri di dislivello e procedere poi per una stradina sterrata che  conduce al rifugio del Passo delle Selle a 2530 metri.  
All’arrivo, alcuni di noi, invece, hanno optato per un sentiero piuttosto erto che avrebbe fatto risparmiare del tempo per l’arrivo al rifugio.
La camminata è iniziata in maniera tranquilla e graduale, escluso l’ultimo quarto d’ora dove “strappava” un pochino.
Salendo per stradina è stato possibile ammirare (fra i vari nuvoloni)  le Creste del Costabella in tutto il loro sviluppo.
Il rifugio, che si vedeva già dalla partenza dell’escursione, appena scesi dalla seggiovia, dava l’impressione che fosse a portata di mano! Solo l’impressione, peró, perche’ nel procedere, sembrava che il rifugio venisse spostato o allontanato, dato che il  percorso si sviluppa con giri ampi e tortuosi.
Anche se non sono un conoscitore della flora, ho visto vari rododendri in fiore, molte genziane ed altri fiori variopinti.

 

                alt     alt

Il passo delle Selle è al centro di uno spettacolare anfiteatro naturale che rapisce con lo sguardo già con le nubi basse, figuriamoci se ci fosse stato il sole!
Lungo il tragitto si notavano molte buche scavate dalle marmotte, ma non sono riuscito a vederne neanche una.
La zona è stata teatro di guerra nel primo conflitto mondiale, soprattutto la via Bepi Zac che ripercorre vecchi camminamenti e rifugi militari, diversi dei quali sono stati restaurati. 

alt

La catena di Costabella, che va dal Passo delle Selle fino al Passo delle Cirelle fu teatro di durissimi combattimenti tra Italiani e Austriaci durante il primo conflitto mondiale.
Tra il 1915 e il 1917, l’esercito austriaco, bene appostato sul Passo delle Selle – posizione chiave all’estremità sud-occidentale del fronte della Marmolada, in quanto porta d’accesso alla Val Monzoni e quindi alla Valle dell’Avisio -, vi costruì un piccolo villaggio di baracche per ricovero di persone e munizioni.
Nei pressi del Passo, dove si possono tuttora osservare i resti dei baraccamenti, si trova l’attacco dell’Alta Via Bepi Zac (sentiero alpinistico ben attrezzato), che ripercorre il tracciato della Guerra Bianca attraverso trincee scavate nel terreno e nella roccia, passaggi in galleria, tunnel di mina, scale e passerelle di legno, fra ricoveri in caverna, postazioni, resti di proiettili ….
Il proprietario del Rifugio Passo delle Selle, da sempre appassionato di storia della Grande Guerra, dispone di una vasta collezione, costantemente aggiornata, di documenti e fotografie che progetta di raccogliere in un museo storico di sicuro interesse.

Dopo più di un’ora di cammino siamo arrivati al Rifugio Selle e sono rimasto in silenzio di fronte al Memoriale in ricordo della Grande Guerra.

alt

 

Di lato al rifugio, osservando la postazione dei fucilieri austriaci, mi sono immedesimato in quella guerra tragica, fatta di avanzamenti di pochi metri a costo di numerosissime vite. Non ho potuto, in quel momento, fare a meno di pensare a mio padre, ragazzo del ’99, che ha combattuto sul Carso alla giovane età di diciassette anni!    
A sud-ovest del passo si vedeva, chiaramente, il crinale della Valle dei Monzoni, zona di grande interesse geologico (sono costituiti dalla monzonite, roccia eruttiva, intrusiva, povera di quarzo e ricca di miche)e botanico.

alt

All’ora di pranzo, le nuvole, portate dal vento, invece che diradarsi si sono infittite e non hanno più permesso di vedere nulla. Dopo il pasto frugale al rifugio, mentre buona parte del gruppo ha optato per il ritorno, dirigendosi verso il rifugio Paradiso dove si sono fermati fino al rientro al passo S. Pellegrino, noi abbiamo deciso di iniziare il ritorno e, dopo l’avviamento pomeridiano della seggiovia,  siamo scesi a valle. Visto che avevamo molto tempo a disposizione, abbiamo fatto una buonissima merenda in un ottimo albergo e abbiamo intrapreso il giro del grazioso Lago S. Pellegrino che, con la sua bellezza, ha ripagato la prima parte dell’uggiosa giornata. Le foto fatte attorno a questo incantevole specchio d’acqua sono, infatti, molte e molto belle.
                                                                        Giorgio Italiano
  

Ultimi Articoli

Ecco gli ultimi articoli del nostro Archivio, scopri il Gruppo Micologico Don Porta.

Escursione da Ferrara di monte Baldo a malga Orsa con salita finale alla Madonna della Corona. Sabato 7 Maggio 2022

Sabato 07 maggio 2022 Originale per la sua diversità, la gita proposta al Direttivo ad inizio d’anno da Valerio Sartori, e poi guidata da Gi

CAMMINATA SUL “ SENTIERO DEI M0LINEI” Domenica 10 aprile 2022

ANELLO : LAGO BAGATTOLI-PIETRAMURATA-CENTRALE DI FIES-BAGATTOLI Domenica 10 aprile 2022 Ci siamo trovati coi mezzi propri, al lago Bagattoli

ESCURSIONE MICOLOGICA ALLE REGOLE DI CASTELFONDO

Giovedì 23 settembre 2021 Siamo partiti di buon ora per la val di Non con un piccolo bus di soli 20 posti a causa di un difficoltoso passaggio nel pae

ESCURSIONE A BELLAMONTE E A MALGA BOCCHE 31 AGOSTO 2021

 Escursione sul Lusia nel  luogo detto del “Giro d’Ali”.  Martedi 31 agosto 2021 In orario come nostro solito, siamo partiti in

45^ MOSTRA MICOLOGICA 2021

Sab. / Dom- 02/03 ottobre 2021 Mai come quest’anno c’è stata penuria di funghi ovunque per la calura e la siccità dell’estate, tanto che molti

Escursione al Giogo di Meltina Giovedi 22 luglio 2021

ESCURSIONE AL GIOGO DI MELTINA  Giovedì 22 luglio Tutti sul bus, in regola con le mascherine, per la nostra prima uscita dell’anno con meta

Escursione micologica alle Regole di Castelfondo 24/09/2020

Quest’anno come già tutti sappiamo la presenza in campo nazionale e mondiale del Covid 19. ha imposto prima con decreti statali, ed a seguire con provve

Escursione micologica in val di rabbi 15/09/2020

Partiti di mattina presto una ventina di irriducibili micologi, salgono sul pulmino della Sarcatour alla volta della destinazione stabilita. La

Micologica Passo Lavaze’- venerdi 04 settembre 2020

Dopo aver ripreso l’attività momentaneamente sospesa per l’epidemia Covid con l’escursione a passo Sella, abbiamo iniziato la serie delle gite micol

Alba di Canazei – Cima su l’Aut Domenica 13 settembre 2020

La giornata settembrina si presenta serenissima a Riva del Garda e così, partiti di buon’ora, siamo arrivati, dopo l’abituale sosta ‘di servizio’,

Mettiamoci in contatto

Il Gruppo Micologico e protezione flora alpina don Pietro Porta fondato nell'anno 1967 ha svolto in modo continuativo la propria attività organizzando escursioni micologiche e botaniche prevalentemente in Regione Trentino- Alto Adige, viaggi di 2/3 giorni all'estero ed in Italia.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI

Scopri gli altri articoli del Gruppo Micologico Don porta sul nostro blog, le nostre gite, le mostre e tanto altro!