gita al lago d’Orta e Maggiore 2014

Giugno 26, 2014

gita al lago d’Orta e Maggiore 2014

Gita ai laghi Orta e Maggiore

   Sabato 17 e Domenica 18 maggio 2014

     Puntuale la partenza da Riva ed Arco dopo le rituali verifiche. L’attenzione maggiore è subito rivolta alla situazione meteo: tempo incerto, con probabilità di pioggia. Sono i commenti riportati dai numerosi esperti, con aggiornamenti riferiti alle prime ore del mattino. La speranza del bel tempo si rinforza con il caffè della prima sosta, a circa metà del percorso verso il Lago d’Orta. Là arrivati in pochi minuti si giunge, trasportati da un simpatico trenino, dal parcheggio al porticciolo. Per noi, gardesani, la vista evidenzia subito alcune differenze: il colore dell’acqua, l’intensità della luce, la rotondità delle colline attorno al lago e gli alberi privi quasi di altezze. Manca la possenza degli abeti, dei nostri larici. Mancano tutte quelle tonalità che dai verdi chiari e scuri salgono ai vari blue delle lontananze ed ai bianchi delle cime. Paesaggi e sensazioni marcatamente diversi eppure segantinianamente congiunti, tra “monti sorgenti dall’acque“ ed il “puro bianco di cime nevose“. Dal medioevale borgo Orta S. Giulio, inserito nel circuito dei “Borghi più belli d’Italia”, ci traghettiamo all’isola S. Giulio.

     alt    alt

 La Basilica con le spoglie del Santo, il monastero delle suore di clausura, i corti e stretti vicoli tipici dei porticcioli lacustri si integrano nell’architettura naturale del paesaggio collinare, vivacizzato, qua e là da gruppi rarefatti di ville, quasi tutte ad una altezza di circa cento metri dal livello del lago, con finestre ed imposte ancora chiuse, ma parchi e giardini ben curati, lasciano intuire che la stagione estiva è imminente. L’intero pomeriggio è impegnato con visita al Sacro monte di Orta, vasta collina sulle cui falde sono collocate una ventina di cappelle votive costruite tra la fine e gli inizi del ‘500 e ‘600.

alt  

 

alt

Rappresentano, con affreschi e statue, episodi della vita di S. Francesco. Incantevole il panorama che la piazzetta in cima al colle offre sul lago, illuminato, sì, ma quasi smorzato nel verde.

Si ritorna al bus, con meta il lago Maggiore e Stresa. Il percorso, tra ville lussuose e grandi parchi, già notati sulle opposte sponde, con prati ben rasati di fresco, inducono a maliziose supposizioni: chissà se i fortunati proprietari di simili indici del bel e del buon stile di vita usufruiscono dei recenti “bonus renziani”?L’arrivo a Stresa, ed in Hotel, e un buon aperitivo nei vicini vicoli del centro storico, lasciano ben disposti per la cena e per la notte. Tutti soddisfatti. Giorno 18 maggio: la salita al monte Mottarone (metri 1,491) in funicolare, apre lo sguardo su laghi, cime e pianura.

alt Il Mottarone verso Orta

 

alt     Vista sul lago Maggiore

Dalle Alpi marittime, dal monte Rosa, fino alla pianura Padana, sono trecentosessanta gradi di sensazioni, riflessioni individuali ed intime; non lasciano persona alcuna nell’indifferenza. Il parco botanico sottostante la cima è ulteriore manifestazione dell’attenzione verso questi luoghi.

alt

La funivia ci riporta a valle e l’Hotel ci accoglie con i profumi ed i sapori delle pietanze locali. Tutti i cinque sensi sono deliziosamente attivati e prontamente corrispondono agli stimoli. L’atmosfera di questi momenti di collegialità è ben conosciuta dal gruppo. Il programma per il ritorno prevede un’ultima visita presso la colossale statua di S. Carlo Borromeo. Alta 35 metri, tra basamento in marmo (metri 12) e struttura portante in ferro battuto e con lastre in rame. Accessibile al suo interno fino all’altezza degli occhi, dai quali si spazia sul lago Maggiore. Voluta dal cugino Cardinale Federico Borromeo, fu terminata nel 1698. Dalla gente del posto, il colosso viene chiamato “Sancarlun” proprio per celebrarne l’eccezionale popolarità e riconoscenza. L’arrivo sulle sponde gardesano-trentine conclude la due giorni densa di stimoli rinnovati, di sensazioni apprezzate da tutti. E da tutti un grazie ad organizzatori e collaboratori.

Luciano e Neris Betta

Ultimi Articoli

Ecco gli ultimi articoli del nostro Archivio, scopri il Gruppo Micologico Don Porta.

Escursione da Ferrara di monte Baldo a malga Orsa con salita finale alla Madonna della Corona. Sabato 7 Maggio 2022

Sabato 07 maggio 2022 Originale per la sua diversità, la gita proposta al Direttivo ad inizio d’anno da Valerio Sartori, e poi guidata da Gi

CAMMINATA SUL “ SENTIERO DEI M0LINEI” Domenica 10 aprile 2022

ANELLO : LAGO BAGATTOLI-PIETRAMURATA-CENTRALE DI FIES-BAGATTOLI Domenica 10 aprile 2022 Ci siamo trovati coi mezzi propri, al lago Bagattoli

ESCURSIONE MICOLOGICA ALLE REGOLE DI CASTELFONDO

Giovedì 23 settembre 2021 Siamo partiti di buon ora per la val di Non con un piccolo bus di soli 20 posti a causa di un difficoltoso passaggio nel pae

ESCURSIONE A BELLAMONTE E A MALGA BOCCHE 31 AGOSTO 2021

 Escursione sul Lusia nel  luogo detto del “Giro d’Ali”.  Martedi 31 agosto 2021 In orario come nostro solito, siamo partiti in

45^ MOSTRA MICOLOGICA 2021

Sab. / Dom- 02/03 ottobre 2021 Mai come quest’anno c’è stata penuria di funghi ovunque per la calura e la siccità dell’estate, tanto che molti

Escursione al Giogo di Meltina Giovedi 22 luglio 2021

ESCURSIONE AL GIOGO DI MELTINA  Giovedì 22 luglio Tutti sul bus, in regola con le mascherine, per la nostra prima uscita dell’anno con meta

Escursione micologica alle Regole di Castelfondo 24/09/2020

Quest’anno come già tutti sappiamo la presenza in campo nazionale e mondiale del Covid 19. ha imposto prima con decreti statali, ed a seguire con provve

Escursione micologica in val di rabbi 15/09/2020

Partiti di mattina presto una ventina di irriducibili micologi, salgono sul pulmino della Sarcatour alla volta della destinazione stabilita. La

Micologica Passo Lavaze’- venerdi 04 settembre 2020

Dopo aver ripreso l’attività momentaneamente sospesa per l’epidemia Covid con l’escursione a passo Sella, abbiamo iniziato la serie delle gite micol

Alba di Canazei – Cima su l’Aut Domenica 13 settembre 2020

La giornata settembrina si presenta serenissima a Riva del Garda e così, partiti di buon’ora, siamo arrivati, dopo l’abituale sosta ‘di servizio’,

Mettiamoci in contatto

Il Gruppo Micologico e protezione flora alpina don Pietro Porta fondato nell'anno 1967 ha svolto in modo continuativo la propria attività organizzando escursioni micologiche e botaniche prevalentemente in Regione Trentino- Alto Adige, viaggi di 2/3 giorni all'estero ed in Italia.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI

Scopri gli altri articoli del Gruppo Micologico Don porta sul nostro blog, le nostre gite, le mostre e tanto altro!