IL FIUME SARCA E LE MAROCCHE

Luglio 28, 2010

IL FIUME SARCA E LE MAROCCHE

Domenica18 aprile 2010.

Cronaca di una interessante passeggiata lungo il Sarca e sulla vecchia strada delle Marocche nel comune di Dro.

Il filo conduttore ci è dato dal volume “La via al castello” di Monica Ronchini, Renato Turrini e Marialisa Viaro,

nell’ambito del progetto “le antiche strade del Basso Sarca” a cura del MAG (Museo Alto Garda).

E’ una domenica con cielo coperto e piovigginoso ma con successivi sprazzi di sole.

L’appuntamento del Gruppo Micologico “Don Porta” è nei pressi di Maso Trenti ed il gruppo (una trentina di partecipanti)

è accompagnato dalle nostre Marialisa e Marinella. Ci fa da guida il vice presidente della locale sezione pescatori Elio

Matteotti.

Ci inoltriamo per il primo tratto lungo la stradina sterrata che affianca il Sarca. Osserviamo i resti di Archeologia

Industriale elettrica costituita dalla centrale di Dro, ora dismessa salvo per una piccola turbina ancora in funzione

alimentata dall’acqua destinata ai consorzi irrigui. Appare ancora imponente l’edificio di pietra composta da due corpi

affiancati con tetti a due spioventi; sul frontone sud campeggia la scritta scolpita nella pietra che ricorda

l’inaugurazione ufficiale del complesso idroelettrico alla presenza del principe ereditario Umberto di Savoia

il 18 maggio 1924.

Proseguiamo passando nei pressi di quello che resta del complesso idroelettrico con la condotta forzata.

 

 

Entriamo poi nel “mare sassoso” delle Marocche raggiungendo il lago Solo. Aldo Gorfer, nel suo volume “Le Valli

del Trentino” lo descrive come “Il fondo di un catino desertico”. E’ classificato come un laghetto di frana. Qui

effettuiamo una sosta dove Marialisa ci illustra la genesi e le caratteristiche delle Marocche, fenomeno che interessa

 il solco del Sarca in questa zona, dovuto al distacco di più frane durante i millenni dai monti Brento e Daino.

 

 

Questo paesaggio caratteristico ed unico, formato da una pietraia con massi di grosse dimensioni, si estende per oltre 14 kmq.

Riprendiamo il cammino e, percorrendo il sentiero, sbuchiamo sulla S.P. 84 per la Valle di Cavedine; attraversato

questa, ci inoltriamo attraverso i filari di meli in fiore fino alla forra del rio Salagoni e alle fontane dell’Albanella, attraverso

uno tratto della “ Via al Castello”. Sopra domina il tutto il Castello di Drena. E’ qui la 2° parte della lezione di Marialisa

su “campi coltivati, acqua che sgorga intermittente ai piedi dei monti, la forra del rio Salagoni con la splendida cascata,

i muretti a secco”: una splendida lezione anche sulla flora locale, le orchidee, le piante caratteristiche di quell’ambiente,

con la particolare presenza, ai piedi della forra, di due splendidi salici piangenti.

E’ mezzogiorno, il tempo è incerto; torniamo alle macchine e decidiamo di portarci al lago Bagatoi. Pranzo al sacco sulle

rive del laghetto; Orazio, con l’amico Gianni, esperto di lenza, riempiono un’invidiabile cestello di grossi pesci (con un’esca

infallibile o per la voracità delle trote).

Nel primo pomeriggio ha fatto capolino qualche sprazzo di sole e ci inoltriamo nella pineta di Dro intorno al lago per una

interessante passeggiata tra il pino nero, messo a dimora all’inizio del 19° secolo dal governo austriaco.

Nel secondo pomeriggio torniamo a casa, non prima di aver ringraziato Marialisa e Marinella, mentre il cielo si va rischiarando.

Carlo M.

 

 

 

 

Ultimi Articoli

Ecco gli ultimi articoli del nostro Archivio, scopri il Gruppo Micologico Don Porta.

Escursione da Ferrara di monte Baldo a malga Orsa con salita finale alla Madonna della Corona. Sabato 7 Maggio 2022

Sabato 07 maggio 2022 Originale per la sua diversità, la gita proposta al Direttivo ad inizio d’anno da Valerio Sartori, e poi guidata da Gi

CAMMINATA SUL “ SENTIERO DEI M0LINEI” Domenica 10 aprile 2022

ANELLO : LAGO BAGATTOLI-PIETRAMURATA-CENTRALE DI FIES-BAGATTOLI Domenica 10 aprile 2022 Ci siamo trovati coi mezzi propri, al lago Bagattoli

ESCURSIONE MICOLOGICA ALLE REGOLE DI CASTELFONDO

Giovedì 23 settembre 2021 Siamo partiti di buon ora per la val di Non con un piccolo bus di soli 20 posti a causa di un difficoltoso passaggio nel pae

ESCURSIONE A BELLAMONTE E A MALGA BOCCHE 31 AGOSTO 2021

 Escursione sul Lusia nel  luogo detto del “Giro d’Ali”.  Martedi 31 agosto 2021 In orario come nostro solito, siamo partiti in

45^ MOSTRA MICOLOGICA 2021

Sab. / Dom- 02/03 ottobre 2021 Mai come quest’anno c’è stata penuria di funghi ovunque per la calura e la siccità dell’estate, tanto che molti

Escursione al Giogo di Meltina Giovedi 22 luglio 2021

ESCURSIONE AL GIOGO DI MELTINA  Giovedì 22 luglio Tutti sul bus, in regola con le mascherine, per la nostra prima uscita dell’anno con meta

Escursione micologica alle Regole di Castelfondo 24/09/2020

Quest’anno come già tutti sappiamo la presenza in campo nazionale e mondiale del Covid 19. ha imposto prima con decreti statali, ed a seguire con provve

Escursione micologica in val di rabbi 15/09/2020

Partiti di mattina presto una ventina di irriducibili micologi, salgono sul pulmino della Sarcatour alla volta della destinazione stabilita. La

Micologica Passo Lavaze’- venerdi 04 settembre 2020

Dopo aver ripreso l’attività momentaneamente sospesa per l’epidemia Covid con l’escursione a passo Sella, abbiamo iniziato la serie delle gite micol

Alba di Canazei – Cima su l’Aut Domenica 13 settembre 2020

La giornata settembrina si presenta serenissima a Riva del Garda e così, partiti di buon’ora, siamo arrivati, dopo l’abituale sosta ‘di servizio’,

Mettiamoci in contatto

Il Gruppo Micologico e protezione flora alpina don Pietro Porta fondato nell'anno 1967 ha svolto in modo continuativo la propria attività organizzando escursioni micologiche e botaniche prevalentemente in Regione Trentino- Alto Adige, viaggi di 2/3 giorni all'estero ed in Italia.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI

Scopri gli altri articoli del Gruppo Micologico Don porta sul nostro blog, le nostre gite, le mostre e tanto altro!