CASCATE DI STANGHE, CASTEL TASSO E VIPITENO

Luglio 28, 2010

CASCATE DI STANGHE, CASTEL TASSO E VIPITENO

Domenica 23 maggio 2010

Recupero dalla memoria l’escursione al canyon di Stanghe in Val di Racines. Il ricordo mi ritorna bello, sereno,

eravamo in fila indiana, su, su per la stretta gola, sui gradoni di marmo bianco. Rumorosissimo per lo scosciare dell’acqua;

 a salti, ora brevi, ora spettacolari. Salivo, salivo, gradino dopo gradino come fossi sola a godere di quel mondo

fantastico. Sola in quel frastuono, leggera, felice.

 

    

 

L’acqua è veramente l’elemento primo per la vita. La discesa,

piacevolissima sul sentiero dei prati. Ritornerò.  INES

C’ero già stata in precedenza ed il ricordo era persistente ed intenso. Castel Tasso, nei dintorni di Vipiteno, è un unico,

intatto maniero del 1200 con un’atmosfera antica che si ritrova nella cucina duecentesca annerita in ogni dove, con focolare

rialzato, nella cisterna ottagonale nel cortile, nelle scalinate di legno e pietra che portano ai piani superiori.

 

 

                                                                                                                  

 

La “sala degli uomini” dove il signore e gli armigeri si ritrovavano per mangiare ma anche per fustigare i prigionieri alla

colonna di legno che conserva ancora tracce di tali torture, la “sala delle dame” contenente vecchi e preziosi arcolai e

bauletti intarsiati, la prigione scavata nella roccia, la vecchia torre d’abitazione ancora intatta con il dormitorio per gli

scudieri a scomparti che ha la forma di un grande cassone di legno mi trasmettono un forte senso del passare del

tempo ma anche una certa angoscia per la vita di stenti che si faceva, anche in una castello, nel Medioevo. Il freddo e

 l’umidità d’inverno erano  una costante.

 

                                                        

 

La rocca ha conservato buona parte dell’arredamento tardogotico. Per

duecento anni il castello fu sottoposto alla sovranità del Tirolo che nel corso degli anni lo diedero in feudo a diverse

famiglie nobiliari. Nel 1470 fu ceduto all’Ordine Teutonico, al quale è dovuto il suo aspetto attuale e gran parte

dell’arredamento. Dal 1813 divenne proprietà dei Conti Thurn und Taxis.

Preziose testimonianze della ristrutturazione quattrocentesca sono la splendida sala Verde, così chiamata per il colore

della decorazione pittorica che simula un rilievo, e l’elegante preziosa cappella di San Zeno, preceduta da un eccezionale

cancello di legno abilmente intagliato e traforato con raffinati motivi geometrici. Alla fine del quattrocento risale anche

la cosidetta ‘camera del Capitolo’ che conserva l’originale arredamento gotico.

 

       

 

UN DUELLO LEGGENDARIO
Un’antica leggenda narra che per porre fine alla guerra che si trascinava da anni fra Castel Tasso (Schloss Reifenstein)

e Castel Pietra (Schloss Sprechenstein), posti l’uno di fronte all’altro sugli opposti versanti della valle, venne deciso di

affidare le sorti del conflitto ad un duello di tiro con l’arco. I due signori impegnati nella sfida, saliti ciascuno sulla torre

del proprio castello, imbracciarono l’arco e scoccarono la freccia fatale. Ma la loro abilità fu tale che le due frecce

s’incontrarono a mezza strada, cadendo entrambe nella vallata. Questo accaduto venne interpretato come un

ammonimento divino a non continuare quella futile guerra che aveva arrecato soltanto danni agli abitanti, ai campi

e ai possedimenti dei due feudi.

MINISA

Ultima, ma non meno importante meta della giornata; Vipiteno, antica città, la più settentrionale d’Italia, con uno dei

centri storici pedonali più suggestivi dell’arco alpino. Incastonata come un piccolo gioiello sul versante meridionale delle

Alpi, affonda le sue radici nella tradizione tirolese e nei costumi di un tempo, testimoniate dalle gradevoli vetrine: design

italiano e tradizione tirolese che si ammirano lungo la via principale insieme portici, a palazzi tardogotici di bella fattura

che testimoniano il suo fiorente passato di città mercantile e lo sfruttamento delle miniere circostanti. Interessante la

Torre delle Dodici, simbolo della città che divide il centro storico dalla città nuova, il Municipio con la sua Stube

gotica, le insegne a bandiera e la chiesa parrocchiale costruita dai cittadini e dai minatori. Nei dintorni si possono ammirare

i ghiacciai delle Alpi Breonie di Levante e di Ponente con la vetta del Gran Pilastro 3.510m. e del pan di Zucchero 3.505m.

Obbligatoria una sosta per l’aperitivo o un gelato.

MARINELLA

Ultimi Articoli

Ecco gli ultimi articoli del nostro Archivio, scopri il Gruppo Micologico Don Porta.

Escursione da Ferrara di monte Baldo a malga Orsa con salita finale alla Madonna della Corona. Sabato 7 Maggio 2022

Sabato 07 maggio 2022 Originale per la sua diversità, la gita proposta al Direttivo ad inizio d’anno da Valerio Sartori, e poi guidata da Gi

CAMMINATA SUL “ SENTIERO DEI M0LINEI” Domenica 10 aprile 2022

ANELLO : LAGO BAGATTOLI-PIETRAMURATA-CENTRALE DI FIES-BAGATTOLI Domenica 10 aprile 2022 Ci siamo trovati coi mezzi propri, al lago Bagattoli

ESCURSIONE MICOLOGICA ALLE REGOLE DI CASTELFONDO

Giovedì 23 settembre 2021 Siamo partiti di buon ora per la val di Non con un piccolo bus di soli 20 posti a causa di un difficoltoso passaggio nel pae

ESCURSIONE A BELLAMONTE E A MALGA BOCCHE 31 AGOSTO 2021

 Escursione sul Lusia nel  luogo detto del “Giro d’Ali”.  Martedi 31 agosto 2021 In orario come nostro solito, siamo partiti in

45^ MOSTRA MICOLOGICA 2021

Sab. / Dom- 02/03 ottobre 2021 Mai come quest’anno c’è stata penuria di funghi ovunque per la calura e la siccità dell’estate, tanto che molti

Escursione al Giogo di Meltina Giovedi 22 luglio 2021

ESCURSIONE AL GIOGO DI MELTINA  Giovedì 22 luglio Tutti sul bus, in regola con le mascherine, per la nostra prima uscita dell’anno con meta

Escursione micologica alle Regole di Castelfondo 24/09/2020

Quest’anno come già tutti sappiamo la presenza in campo nazionale e mondiale del Covid 19. ha imposto prima con decreti statali, ed a seguire con provve

Escursione micologica in val di rabbi 15/09/2020

Partiti di mattina presto una ventina di irriducibili micologi, salgono sul pulmino della Sarcatour alla volta della destinazione stabilita. La

Micologica Passo Lavaze’- venerdi 04 settembre 2020

Dopo aver ripreso l’attività momentaneamente sospesa per l’epidemia Covid con l’escursione a passo Sella, abbiamo iniziato la serie delle gite micol

Alba di Canazei – Cima su l’Aut Domenica 13 settembre 2020

La giornata settembrina si presenta serenissima a Riva del Garda e così, partiti di buon’ora, siamo arrivati, dopo l’abituale sosta ‘di servizio’,

Mettiamoci in contatto

Il Gruppo Micologico e protezione flora alpina don Pietro Porta fondato nell'anno 1967 ha svolto in modo continuativo la propria attività organizzando escursioni micologiche e botaniche prevalentemente in Regione Trentino- Alto Adige, viaggi di 2/3 giorni all'estero ed in Italia.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI

Scopri gli altri articoli del Gruppo Micologico Don porta sul nostro blog, le nostre gite, le mostre e tanto altro!