Esursione al Rifugio Contrin

Agosto 9, 2011

Esursione al Rifugio Contrin

 Gita al rifugio Contrin – 3 luglio 2011

Davanti alla stazione di Riva il pullman era strapieno e qualcuno, che si era prenotato solo qualche giorno prima, ha rischiato di rimanere a terra; alla fine per fortuna c’era posto per tutti e così è iniziata la nostra avventura, sotto un cielo che prometteva bene. Dopo un paio d’ore di bus o forse più, con annessa doverosa e immancabile sosta caffè, siamo arrivati ad Alba di Canazei, al parcheggio della funivia del Ciampac (m. 1500 di altitudine), dove ci siamo divisi in due gruppi. Il gruppo più ristretto, capeggiato da Marinella che aveva al suo seguito il nipotino, un riccioluto angioletto biondo, ha optato per una soluzione più facile, prendendo la funivia del Ciampac per salire comodamente in quota. Il gruppo più numeroso, invece, ha imboccato il sentiero 602 per il rifugio Contrin dove siamo arrivati alla spicciolata un paio d’ore più tardi.

        

                                                              

Il sentiero inizialmente entra pianeggiante nel bosco, dopo un centinaio di metri la pendenza aumenta notevolmente, per poi proseguire con ripidi e stretti tornanti che portano alla piccola Baita Locia Contrin (1800m), all’ingresso della valle. Il sentiero prosegue e si fa pianeggiante, a destra il panorama sul Colac (2713m), a sinistra la Marmolada (3342m) e dietro il gruppo del Sella (3152m), bellissimo.

                 

                                       Baita Locia    

Attraversato il torrente, la strada incomincia a salire, con una pendenza che si fa man mano più accentuata; il fondo del terreno si fa via via più sassoso e insidioso, fino ad arrivare in cima al cucuzzolo che ospita il Rifugio Contrin, a 2016m. Da notare la prestazione della nostra cara Carlotta che, all’alba delle sue 80 primavere, ha raggiunto la meta solo dopo pochi minuti, stanca ma visibilmente contenta.

                                                                                         

                          

                                                                    

Notevole la prsenza di fiori da ammirare tra i quali “Crepis aurea, Primula halleri, rara, Trifolium badius, Antennaria dioica e Tofielda caluculata”.

  Primula halleri

Il rifugio, che da poco ha festeggiato il suo centenario, è uno dei più importanti e strategici della Valle di Fassa. Ampio e solido, è adagiato su di un piano nella valle omonima al cospetto di alcune fra le più imponenti “cattedrali” di roccia delle Dolomiti, come la Marmolada, il Gran Vernel e le Cime di Ombretta, ed è circondato da abetaie color smeraldo, mentre sul retro ci sono dei prati dove ci si potrebbe rilassare al sole, che quel giorno però ha preferito rimanere nascosto dietro le nuvole. La maggior parte di noi ha consumato il pranzo al sacco sulla bella terrazza esterna, altri hanno preferito approfittare della cucina del rifugio, che non era proprio speciale. Finito il pranzo, quasi tutti i partecipanti si sono recati presso la vicina baita Contrin per curiosare, mangiare ed acquistare prodotti tipici, come formaggi e yogurt.

                         Malga Contrin

                                                                             

Solo in sei ci siamo avventurati, quasi di corsa visto che non c’era molto tempo, verso il passo S. Nicolò (m. 2340), percorrendo un sentiero che all’inizio attraversa il bosco con alcuni tornanti e rampe piuttosto ripide e poi prosegue in falsopiano a mezza costa su dei ghiaioni. Raggiunta un’altra collina erbosa la si risale con ampi tornanti piuttosto ripidi, raggiungendo quindi il crinale che conduce al Rifugio Passo San Nicolò, situato sull’omonimo passo. Il panorama mozzafiato che da qui si può ammirare a 360 gradi va dalla Val di Contrin e il gruppo del Sella a nord, la Marmolada ad est, la Crepa Neigra ed il Colac ad ovest e la Val San Nicolò a sud. Il tempo di bere frettolosamente un caffè corretto, gentilmente offerto da Roberto, e poi giù molto velocemente dal lato opposto scendendo il versante della Valle San Nicolò. Durante il ritorno il nostro affezionato autista Marco ha cambiato itinerario per farci ammirare, nei pressi di Cavalese in località Cascata una bella cascata con lucente laghetto e le piramidi di Segonzano in val di Cembra.

                     

                                                                  

Sul pullman la maggior parte di noi, contento della bella giornata, si è addirittura prenotata per la gita successiva, per cui…….alla prossima!

Vanda

 

 

 

Ultimi Articoli

Ecco gli ultimi articoli del nostro Archivio, scopri il Gruppo Micologico Don Porta.

Escursione da Ferrara di monte Baldo a malga Orsa con salita finale alla Madonna della Corona. Sabato 7 Maggio 2022

Sabato 07 maggio 2022 Originale per la sua diversità, la gita proposta al Direttivo ad inizio d’anno da Valerio Sartori, e poi guidata da Gi

CAMMINATA SUL “ SENTIERO DEI M0LINEI” Domenica 10 aprile 2022

ANELLO : LAGO BAGATTOLI-PIETRAMURATA-CENTRALE DI FIES-BAGATTOLI Domenica 10 aprile 2022 Ci siamo trovati coi mezzi propri, al lago Bagattoli

ESCURSIONE MICOLOGICA ALLE REGOLE DI CASTELFONDO

Giovedì 23 settembre 2021 Siamo partiti di buon ora per la val di Non con un piccolo bus di soli 20 posti a causa di un difficoltoso passaggio nel pae

ESCURSIONE A BELLAMONTE E A MALGA BOCCHE 31 AGOSTO 2021

 Escursione sul Lusia nel  luogo detto del “Giro d’Ali”.  Martedi 31 agosto 2021 In orario come nostro solito, siamo partiti in

45^ MOSTRA MICOLOGICA 2021

Sab. / Dom- 02/03 ottobre 2021 Mai come quest’anno c’è stata penuria di funghi ovunque per la calura e la siccità dell’estate, tanto che molti

Escursione al Giogo di Meltina Giovedi 22 luglio 2021

ESCURSIONE AL GIOGO DI MELTINA  Giovedì 22 luglio Tutti sul bus, in regola con le mascherine, per la nostra prima uscita dell’anno con meta

Escursione micologica alle Regole di Castelfondo 24/09/2020

Quest’anno come già tutti sappiamo la presenza in campo nazionale e mondiale del Covid 19. ha imposto prima con decreti statali, ed a seguire con provve

Escursione micologica in val di rabbi 15/09/2020

Partiti di mattina presto una ventina di irriducibili micologi, salgono sul pulmino della Sarcatour alla volta della destinazione stabilita. La

Micologica Passo Lavaze’- venerdi 04 settembre 2020

Dopo aver ripreso l’attività momentaneamente sospesa per l’epidemia Covid con l’escursione a passo Sella, abbiamo iniziato la serie delle gite micol

Alba di Canazei – Cima su l’Aut Domenica 13 settembre 2020

La giornata settembrina si presenta serenissima a Riva del Garda e così, partiti di buon’ora, siamo arrivati, dopo l’abituale sosta ‘di servizio’,

Mettiamoci in contatto

Il Gruppo Micologico e protezione flora alpina don Pietro Porta fondato nell'anno 1967 ha svolto in modo continuativo la propria attività organizzando escursioni micologiche e botaniche prevalentemente in Regione Trentino- Alto Adige, viaggi di 2/3 giorni all'estero ed in Italia.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI

Scopri gli altri articoli del Gruppo Micologico Don porta sul nostro blog, le nostre gite, le mostre e tanto altro!