Canazei-Ciampac

Luglio 20, 2011

Canazei-Ciampac

Diario e considerazioni sulla gita al Ciampac di domenica 3 luglio 2011

 

Inizierei a descrivere le mie impressioni di domenica 3 luglio all’insegna del detto:

“Non tutti i mali vengono per nuocere”!

Il giorno prima avevo fatto presente a Marinella di un certo dolorino a un

ginocchio, tanto da farmi decidere per il ritiro dalla partecipazione all’escursione

per il rifugio Contrin. Marinella però aveva “un asso nella manica” che ha tirato

fuori con immediatezza, cioè l’alternativa di fare un’altra gita, sempre da Alba di

Canazei, con altre persone che avevano qualche problema di resistenza di durata.

Infatti, assieme ad altre sei compagne di viaggio (Marinella, Graziella …) e al

nipote di Marinella, Luca, abbiamo preso la funivia per il Ciampac. Dopo pochi

minuti di tragitto funiviario siamo arrivati in un posto splendido, la Conca prativa

del Ciampac, che è anche una valletta nivale.

(* vedi nota a fine articolo) 

Dopo essermi guardato attorno con insistenza, dalla “Crepa Neigra” (di roccia

molto scura, quasi lavica) a sud-ovest, (che in quel momento ho associato, per la

sua forma, alla Red Rock dell’Idaho), all’imponente mole del Colac a est.

 

 

La Conca in questione si presenta come una prateria con dolci declivi, dalla

quale, come balcone naturale vieni preso, con una certa insistenza da una voglia

matta di fare foto “in 3D” dei noti massicci dolomitici del Sassolungo, del Sella e

del Pordoi con lo sfondo del Piz Boè dove sono stato, più volte, e con molto

piacere. 

                   

                                      

 

Le altre compagne di escursione si sono dirette verso l’Orto Botanico che

contiene grandi varietà di piante e fiori anche rare. La zona del Ciampac è

considerata, fra l’altro, molto importante dal punto di vista geologico e sembra che

sia frequentata da parecchi studiosi che si occupano di geologia e di ricerca

minerali. 

                     

                                       

Visto il tempo che avevo a disposizione, ho deciso all’istante di avviarmi verso la

Sella Brunech a m. 2415, che ho raggiunto in un’oretta. 

                     

Anche là ho potuto ammirare un altro spettacolo incomparabile di altre montagne,

fra le quali la famosa val Jumela (che qualche anno fa fu oggetto di un’aspra

polemica tra i naturalisti e gli imprenditori impiantisti locali) e il gruppo del

Catinaccio d’Antermoia.

Inutile dire che quando mi trovo in un ambiente “da favola” come questo, la

macchina fotografica si “scalda” per l’eccessivo uso!

Al ritorno alla base della Conca, ho approfittato, nell’attesa di altre compagne,

per fare varie foto al piccolo Luca che aveva preso confidenza con i fiori ed inoltre si stava

divertendo molto con un amichetto occasionale nel saltare sopra quelle strutture gonfiabili apposite

per far giocare i bambini. 

                     

                                         

Un certo freschino giunto in quel momento ha fatto venire un certo languorino da

invogliarmi ad entrare nel maso “Tobià del Giagher” dove ho mangiato, insieme a

Marinella, Luca , Graziella una pasta e fagioli veramente eccellente. 

             

La breve escursione alla Sella Brunech ha avuto il merito di farmi passare il

dolorino al ginocchio, perciò: “non tutti i mali vengono per nuocere”!

 

(*) La valletta nivale

 È un ambiente dell’orizzonte alto-alpino che si estende fino al limite inferiore delle nevi

perenni. È un avvallamento del terreno in cui la neve permane per oltre nove mesi l’anno, e

dopo il disgelo, il suolo resta impregnato di umidità.

La flora che caratterizza la valletta nivale è composta da specie nane che riescono così a

sfruttare al meglio le risorse disponibili. Sono piante in grado di svolgere il loro ciclo

vegetativo in un periodo molto breve, anche in soli due mesi, producendo le gemme fiorali già

alla fine dell’estate, in modo da essere pronte a fiorire al primo disgelo della stagione

seguente; possono anche moltiplicarsi vegetativamente grazie a rizomi e stoloni

Tipico è il Salice erbaceo (Salix herbacea), un vero e proprio albero in miniatura che, alto

pochi centimetri e con portamento strisciante, ricopre la valletta nivale formando un fitto

tappeto;ad esso sono associate altre specie quali la Ventaglina a cinque foglie (Alchemilla

pentaphyllea) e la Canapicchia glaciale (Gnaphalium supinum) dalle foglie ricoperte da

una fitta peluria che dà loro un riflesso argentato.

                                                                                                        Giorgio Italiano

 

 

 

                                                                                           

 

 

 

Ultimi Articoli

Ecco gli ultimi articoli del nostro Archivio, scopri il Gruppo Micologico Don Porta.

Escursione da Ferrara di monte Baldo a malga Orsa con salita finale alla Madonna della Corona. Sabato 7 Maggio 2022

Sabato 07 maggio 2022 Originale per la sua diversità, la gita proposta al Direttivo ad inizio d’anno da Valerio Sartori, e poi guidata da Gi

CAMMINATA SUL “ SENTIERO DEI M0LINEI” Domenica 10 aprile 2022

ANELLO : LAGO BAGATTOLI-PIETRAMURATA-CENTRALE DI FIES-BAGATTOLI Domenica 10 aprile 2022 Ci siamo trovati coi mezzi propri, al lago Bagattoli

ESCURSIONE MICOLOGICA ALLE REGOLE DI CASTELFONDO

Giovedì 23 settembre 2021 Siamo partiti di buon ora per la val di Non con un piccolo bus di soli 20 posti a causa di un difficoltoso passaggio nel pae

ESCURSIONE A BELLAMONTE E A MALGA BOCCHE 31 AGOSTO 2021

 Escursione sul Lusia nel  luogo detto del “Giro d’Ali”.  Martedi 31 agosto 2021 In orario come nostro solito, siamo partiti in

45^ MOSTRA MICOLOGICA 2021

Sab. / Dom- 02/03 ottobre 2021 Mai come quest’anno c’è stata penuria di funghi ovunque per la calura e la siccità dell’estate, tanto che molti

Escursione al Giogo di Meltina Giovedi 22 luglio 2021

ESCURSIONE AL GIOGO DI MELTINA  Giovedì 22 luglio Tutti sul bus, in regola con le mascherine, per la nostra prima uscita dell’anno con meta

Escursione micologica alle Regole di Castelfondo 24/09/2020

Quest’anno come già tutti sappiamo la presenza in campo nazionale e mondiale del Covid 19. ha imposto prima con decreti statali, ed a seguire con provve

Escursione micologica in val di rabbi 15/09/2020

Partiti di mattina presto una ventina di irriducibili micologi, salgono sul pulmino della Sarcatour alla volta della destinazione stabilita. La

Micologica Passo Lavaze’- venerdi 04 settembre 2020

Dopo aver ripreso l’attività momentaneamente sospesa per l’epidemia Covid con l’escursione a passo Sella, abbiamo iniziato la serie delle gite micol

Alba di Canazei – Cima su l’Aut Domenica 13 settembre 2020

La giornata settembrina si presenta serenissima a Riva del Garda e così, partiti di buon’ora, siamo arrivati, dopo l’abituale sosta ‘di servizio’,

Mettiamoci in contatto

Il Gruppo Micologico e protezione flora alpina don Pietro Porta fondato nell'anno 1967 ha svolto in modo continuativo la propria attività organizzando escursioni micologiche e botaniche prevalentemente in Regione Trentino- Alto Adige, viaggi di 2/3 giorni all'estero ed in Italia.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI

Scopri gli altri articoli del Gruppo Micologico Don porta sul nostro blog, le nostre gite, le mostre e tanto altro!